CERCA NEL BLOG:

mercoledì 3 maggio 2017

La paura: quel brivido freddo lungo la schiena

5° parte - "Percorso di educazione emotiva per bambini e genitori … 
che credono ancora nella magia delle emozioni".



A cosa serve avere paura? La paura, come dicevamo nel primo articolo di questo percorso, è considerata una delle emozioni fondamentali. Benché la maggior parte delle volte sia vissuta come una sensazione spiacevole, essa è molto importante per la nostra sopravvivenza; provate a immaginare una persona che non avverte paura in nessuna situazione, come farà a mettersi in salvo in un contesto che lo richiede? Facciamo un esempio, anche se un po' lontano nel tempo, ci può aiutare a comprendere meglio: immaginate l'uomo delle caverne che esce per andare a caccia e, all'improvviso si trova di fronte una belva feroce. Se egli, per qualche strano motivo, non avvertisse quel brivido freddo lungo la schiena, o non avesse il benché minimo timore di quell'animale, ecco che non scapperebbe e non avrebbe la possibilità di salvarsi. Al contrario, l'istinto gli suggerisce che è meglio defilarsi nell’immediato da quelle circostanze, e così facendo permette al nostro ominide di salvarsi la pelle.
La paura, ci mette in guardia da alcune situazioni che sono pericolose per la nostra vita, e così facendo ci permette di reagire di conseguenza a tali circostanze e preservare la nostra incolumità.
Ovviamente, i tempi sono molto cambiati rispetto a quelli del nostro uomo in minigonna leopardata, e anche gli stimoli che suscitano l’ emozione della paura sono completamente diversi ora da allora; tuttavia ciò che due epoche così lontane hanno in comune è la funzione che questa emozione, a volte “fastidiosa”, ha: ovvero quella di salvarci la vita.

Da dove arriva la paura? Da quanto detto sopra, è semplice dedurre che la paura deriva da un insieme di stimoli che erano per i nostri antenati, e che sono ad oggi per l’uomo moderno, dei veri e propri pericoli, per esempio: rumore, fuoco, calamità naturali, ecc. In alcuni casi tuttavia, la paura si manifesta anche in situazioni inadeguate, per esempio avere paura di un temporale nonostante ci si trovi in un luogo sicuro, essere terrorizzati quando un insetto volante ci passa accanto. In questi casi la funzione “salvavita” della paura non sta funzionando al meglio, anzi, l’emozione si manifesta in modo disfunzionale, e rischia di metterci addirittura nei pasticci. Perché? Pensate ad una persona che va in bicicletta e ha una serie di azioni inconsulte ed azzardate solo perché le sta camminando addosso un ragno, o le svolazza vicino una farfalla…
Per rispondere alla domanda sopra, possiamo riassumere dicendo che la paura, si innesca quando il soggetto avverte come potenzialmente pericoloso uno stimolo esterno o interno.

Nel prossimo articolo parleremo dell’apprendimento delle paure,e della loro intensità, con particolare intenzione alle fobie.
  

ISTRUZIONI E RIFLESSIONI PER LE ATTIVITA’ PROPOSTE

Scheda 1 – Con questa attività si cerca di far familiarizzare il bambino con le proprie paure, permettergli di ascoltarsi e diventare maggiormente consapevole di ciò che lo spaventa e di quanto quella determinata situazione/cosa lo impaurisca. Un esempio di consegna potrebbe essere questo: “Ti capita qualche volta di avere paura? Cosa ti fa paura? Prova a pensare a quattro cose o situazioni che ti spantano e scriverle o disegnarle nei riquadri accanto ai fantasmini. Se disegni vicino al fantasmino da solo significa che questa cosa ti fa poca paura, se invece la scrivi vicino ai quattro fantasmini significa ti spaventa tantissimo. Continua fino ad aver riempito tutti i fantasmini.”


Scheda 2 – Lo scopo di questa scheda è aiutare il bambino a riflettere sulla propria reazione in risposta alla situazione paurosa e a provare a immaginare prima, ed agire in seguito, nuove possibili reazioni alternative. L’attività aiuta inoltre il genitore a capire ciò che il figlio vorrebbe sentirsi dire, ciò di cui ha bisogno, e, sulla base delle informazioni ricevute poterlo aiutare al meglio.


Clicca sul link per scaricare le schede:
https://drive.google.com/file/d/0B2B16-ORoT79WEhzZThSRHFyclE/view?usp=sharing
https://drive.google.com/file/d/0B2B16-ORoT79bDZ1QXFIdmd5WkE/view?usp=sharing

Buon divertimento!