CERCA NEL BLOG:

lunedì 19 novembre 2018

“Ho bisogno di una mano, ma non so a chi rivolgermi: IL COACH


Sempre più spesso si sente parlare di nuove figure emergenti che a volte hanno nomi inglesi e di difficile interpretazione, per esempio: il COACH o il COUNSELLOR, di cui poi se ne possono distinguere un'infinità di tipologie: life coach, personal coach, smiling coach, career coach, business coach, counsellor relazionale ecc. 

Questa settimana ci occupiamo di quest'ultima figura; cerchiamo di fare un po' di chiarezza e conoscerla più da vicino.

Cos'è il coaching?
E' un rapporto tra coach e cliente con lo scopo di aiutare quest’ultimo ad ottenere risultati ottimali in ambito sia lavorativo che personale. Grazie all’attività svolta dal coach, i clienti sono in grado di apprendere ed elaborare le tecniche e le strategie di azione che permetteranno loro di migliorare sia le performance che la qualità della propria vita.

Chi è il coach?
E' colui che ti guida al raggiungimento dell'obiettivo.

Qual è la sua formazione?
Non esiste un percorso standard, ogni centro di formazione elabora i propri criteri di insegnamento e di conseguenza i propri tempi,per esempio:
- “Master 1° livello (48 ore) = 6 GIORNI, Master di 2° livello (80 ore) = 10 GIORNI” 
- “10 giornate di 8 ore (80 ore complessive di lezione in aula) con un intervallo tra loro di almeno 15 giorni per consentire l’esercitazione pratica e la riflessione attiva” 
- 10 h in almeno 3 mesi 
- durata 3 mesi per il corso e 4 per master e pro
- ecc..

A chi si rivolgono questi corsi e quali sono i criteri di accesso a queste scuole?
Anche in questo caso, non ci sono criteri precisi, per esempio:
Testo tratto dal sito http://www.corso-mental-coaching.it/master-in-coaching-2/
"Persone empatiche e disponibili, capaci di ascoltare gli altri e quindi naturalmente predisposte al coaching; motivate e determinate a rafforzare le loro capacità per poter aiutare efficacemente gli altri a migliorarsi"



Quali strumenti usa?
L'aiuto verbale nel definire i propri obiettivi e metodologie centrate sulla soluzione e orientate verso il risultato piuttosto che verso il problema.

Come verificare la sua identità?
Testo tratto, in data 07.11.2018  dal sito: http://www.scuoladicoaching.net/faq-domande-frequenti 
"Attualmente non esiste alcun Ordine o Albo professionale, non esistono esami, percorsi, master che possano certificare le competenze di Coaching. Le varie Associazioni nazionali e internazionali non garantiscono nessuna qualità e nessuna sicurezza sul mercato del lavoro. Coloro che utilizzano la nomenclatura “Master”, ad esempio, abusano di un titolo Universitario come leva commerciale. Invitiamo tutti a vigilare e a diffidare di coloro che utilizzano falsi riconoscimenti non comprovanti alcuna garanzia contenutistica e valore professionale."

Non esiste un Albo di categoria o un elenco, ma tanti siti diversi a cui potersi iscrivere.
Alla pagina  https://www.cnel.it/Comunicazione-e-Stampa/Attivit%C3%A0-del-CNEL/Altre-Banche-Dati/Professioni-non-regolamentate-Non-pi%C3%B9-alimentata/Associazioni-professionali-parere-del-CNEL del consiglio nazionale economia e lavoro è possibile trovare un elenco delle associazioni delle professioni non regolamentate.

Questo breve escursus alla scoperta delle figure professionali nel mondo PSI è quasi terminato, la prossima settimana una breve riflessione conclusiva.